BrianzAcque porta nelle scuole un fumetto sull’acqua

BrianzAcque prosegue il suo cammino culturale nel divulgare ad ogni livello, l'acqua come valore. E' stato presentato “La famiglia Bevilacqua contro Watergobble” primo prodotto editoriale di un progetto didattico-educativo portato destinato agli alunni di 4a elementare.

Un fumetto per spiegare ai bambini tutto sull’acqua pubblica. Dove si preleva, come arriva nelle abitazioni e nelle casette. Perché è  buona e quanto è  importante non sprecarla.  L’iniziativa editoriale che BrianzAcque, ancora una volta, ha voluto dedicare al mondo della scuola con cui dialoga costantemente, è stata presentata in mattinata ad Arcore, nel teatrino della scuola primaria Dante Alighieri, davanti ad una platea di alunni interessati e divertiti.

“La famiglia Bevilacqua contro Watergobble” , vicenda di due genitori e di due figli dotati di poteri straordinari che a colpi di bicchieri della “magica” acqua di BrianzAcque  combattono  contro un mostro  sotterraneo, è solo il primo di una collana di fumetti pensati dall’azienda dell’idrico brianzolo e dai comuni soci per gli allievi delle classi 4 elementari. L’obiettivo? Contribuire alla loro educazione ambientale e aiutarli a maturare una coscienza ecologica, imprescindibile per la salvaguardia del pianeta.

Presentate in modo spiritoso e con il supporto visivo, le informazioni sono in grado di produrre un coinvolgimento maggiore nel bambino. “Su questi presupposti – spiega il Presidente di BrianzAcque, Enrico Boerci- abbiamo lavorato gomito a gomito con l’autore per ideare una storia fantastica di supereroi  che raccontasse quanto sia preziosa l’acqua della nostra Brianza e quanto le famiglie e tutti noi possiamo fare per difenderla e poterne così usufruire quale bene essenziale per la vita. Dietro l'acqua c'è una grande lavoro  che la nostra azienda compie per prelevarla, controllarla e distribuirla fino ai rubinatti di casa.Berla al posto della minerale in bottiglia  è una scelta consapevole e non residuale”.   

Al momento il fumetto, tirato in 5 mila copie, è stato distribuito in 32 scuole che hanno aderito al progetto didattico educativo di  BrianzAcque nei comuni di   Albiate, Arcore, Briosco, Cesano Maderno, Cornate d’Adda,  Lissone, Macherio, Monza, Muggio’,  Nova Milanese, Ornago, Roncello, Seveso, Sulbiate, Triuggio, Vedano al Lambro, Verano Brianza per un totale complessivo di 1.585 alunni.  Altri istituti  scolastici che fossero interessati,  possono richiederne copie,  scrivendo a segreteria@brianzacque.it  fino a esaurimento scorte.